In offerta!

Arquitectura Viva 114

Vivienda normal

 

 

22,00 16,00

This field can't be Empty
This field can't be Empty
This field can't be Empty
This field can't be Empty
CONTENUTI ARQUITECTURA VIVA 114 – VIVIENDA NORMAL

 La normalità esige la natura o la regola. In una vita normale c’è spazio sia per la naturalezza che per la norma, e un’abitazione può essere normale senza diventare solo normativa. Scenario della regolarità dei cicli biologici e della reiterazione dei comportamenti abituali, la casa è necessariamente prevedibile, e la sua conformazione architettonica deve adeguarsi a questa condizione ritmica e ripetuta. L’abitudine di vivere e l’abitudine di abitare creano sequenze di spazi e tempi poco compatibili con la faticosa ricerca del caso e della sorpresa: l’ostinato impegno per l’innovazione permanente finisce per entrare in conflitto con la pigrizia delle forme e la tenacia delle abitudini . , perché la vita normale è governata dalla natura e dalle convenzioni. Flussi metabolici e rituali sociali cospirano per normalizzare gli ambiti della vita, e le case migliori risultano essere quelle che preferiscono il silenzio al rumore. Nel territorio dell’urbanità contemporanea, le esigenze parallele di spettacolo e di scandalo legate alla visibilità fisica e simbolica dei singoli edifici hanno finito per riversarsi sul paesaggio unanime della residenza collettiva, e sull’uso totemico o iconico dei progetti abitativi. Questa denaturazione dell’anonima sostanza dell’alloggio distorce il tessuto residenziale, che va da scenario di istituzioni emblematiche in cui la comunità si riconosce, a figura di spicco che rivendica il protagonismo al centro della scena sociale, monumentalizzando ciò che è solo particolare e donando un carattere pubblico a ciò che appartiene essenzialmente al dominio privato. La casa generata da questi processi è ovviamente anormale, a volte subnormale e spesso paranormale, ma in pochissime occasioni si è adattata al laconicismo che si addice a un teatro per il duro lavoro dell’abitare. Per quanto sia in contraddizione con le nostre aspettative o desideri, un tale cambio di ruoli tra pubblico e privato — che i libertari del 1968 rivendicavano con vigore, ponendo l’autentica rivoluzione nella pubblicità dell’intimo e nell’addomesticamento del politico — è stato pienamente consumato nell’attuale società dello spettacolo, dove il personale è spudoratamente esibito nei media e dove la sfera del dibattito collettivo ha finito per gravitare attorno al pianeta egocentrico dell’esperienza quotidiana. Forse per questo, rivendicare per l’abitazione la normalità della natura o della regola è estemporaneo quanto lamentare la devastazione della privacy o deplorare la privatizzazione del pubblico. Assordati dal rumore del mondo, prestiamo appena attenzione al mormorio della vita, e il frastuono retorico dell’eccezionale prevale sulla musica tranquilla del normale, fondendo voci con echi nell’ombra.

ABBONATI SUBITO!

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Arquitectura Viva 114”

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.