In offerta!

a+u 474 (2010:03)

Reinvigorating 20th Century Masterpieces

35,00 29,90

This field can't be Empty
This field can't be Empty
This field can't be Empty
This field can't be Empty
Capolavori del 20° secolo

Alcuni edifici costruiti nel XX secolo stanno attualmente affrontando la crisi delle demolizioni. Non c’è dubbio che anche i capolavori del Novecento, elogiati come simboli dell’architettura, non siano da demolire. Sembra che lo sviluppo di nuovi materiali e nuove tecnologie abbiano permesso di costruire edifici a una scala inimmaginabile 50 o 100 anni fa, e che questi edifici oggi abbiano un maggiore grado di libertà nella loro forma. Potrebbero esserci varie idee sull’aspettativa di vita dell’edificio nell’ambiente costruito tenendo conto, tra gli altri, di fattori come l’economia, la comodità e la sicurezza.
Questo numero è incentrato sui capolavori del XX secolo che hanno recentemente subito interventi di restauro, conservazione, ristrutturazione o ampliamento. Mentre Eero Saarinens TWA Terminal (1962) è stato restaurato e rianimato attraverso il suo collegamento alla nuova estensione, anche il Paul Rudolphs Art and Architecture Building dell’Università di Yale è stato restaurato, ma accuratamente unificato con la sua estensione. Dopo ripetute riparazioni e aggiunte, la Louis I. Kahns Yale University Art Gallery (1953) e la Ludwig Mies van der Rohes IIT Crown Hall (1956) sono ora entrambe riportate al suo design originale. Con l’applicazione delle moderne tecnologie, il Walter Gropiuss Bauhaus Building di Dessau (1926) e il Frank Lloyd Wrights Solomon R. Guggenheim Museum (1959) sono stati riportati a uno stato simile a quello del giorno del loro completamento e continueranno a essere conservati per il futuro. Jorn Utzons Sydney Opera House (1973) ha incorporato il Building Information Modeling nel suo processo di restauro e sta attualmente studiando le sue possibilità per l’uso in futuri restauri.

I metodi di conservazione e ristrutturazione degli edifici sono unici in quanto ogni edificio ha una soluzione individuale, dal rigoroso rispetto del progetto originale fino a un ampliamento flessibile e alla ricostruzione. Sebbene i metodi di rinvigorimento siano diversi, saremo in grado di vedere la visione originale degli architetti inerente agli edifici quando ci troviamo di fronte a loro. (a+u)

Gensler
Terminal TWA e Terminal 5 di JetBlue Airways

Diller Scofidio + Renfro
Alice Tully Hall

Gwathmey Siegel & Associates Architects
Complesso artistico dell’Università di Yale

Polshek Partnership Architects
Galleria d’arte dell’Università di Yale

Saggio: Restaurare Yale
Paul Needham

Brambach e Ebert Architektenand
Pfister Schiess Tropeano & Partner
Conservazione dell’edificio Bauhaus di Dessau

Saggio: Il Bauhaus rivisitato
Ulf Meyer

Wank Adams Slavin Associates
Conservazione del Museo Solomon R. Guggenheim

Recensione della mostra: Frank Lloyd Wright: From Within Outward
Giovanni Gendall

Krueck + Sexton Architects
Sala della Corona IIT

Richter e Dahl Rocha
Nestl WellNes Center

Alleati e Morrison Architects
Sala delle feste reali

John McAslan + Partner
Padiglione De La Warr

Alvaro Siza Vieira
Progetto paesaggistico e piscina Lea

Utzon Architects e Johnson Pilton Walker
Progetti di ristrutturazione del Teatro dell’Opera di Sydney

Le Corbusier e José Oubrerie
Chiesa di Firmino
Tag

Architettura
Negozio
Architettura e Urbanistica (a+u)

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “a+u 474 (2010:03)”

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.