Detail 1-2/2020

Windows and Facades

24,00

This field can't be Empty
This field can't be Empty
This field can't be Empty
This field can't be Empty

 

DETAIL 1-2/2020 | Finestre e Facciate

SFOGLIA L’ANTEPRIMA!

Hai notato? Il numero attuale ha un nuovo aspetto! Detail ha ripulito la copertina, rafforzando gli elementi importanti ed eliminando quelli superflui. All’interno della rivista puoi trovare altre innovazioni per quanto riguarda il design grafico. Invece di fare un elenco completo, ti invitiamo a scoprirlo da solo. E’ stato progettato un nuovo layout per essere più generoso senza sacrificare i contenuti approfonditi. Numerosi elementi importanti rimangono costanti, soprattutto il banner sulla copertina, che ha accompagnato DETAIL nella sua forma invariata dalla prima edizione nel 1961.

Questo numero di Detail affronta un problema di lunga data in architettura: il design delle facciate e il ruolo delle finestre nell’involucro dell’edificio. Nelle epoche precedenti, la facciata era principalmente il volto di un edificio. Ma nel 20° secolo è diventato sempre più importante come un involucro edilizio tecnicamente avanzato. Le funzioni di base delle facciate sono sempre rimaste le stesse: protezione dal calore e dal sole, trasmissione della luce, fornitura d’aria e, ultimo ma non meno importante, portatore di immagini. I progetti in questo numero mostrano come soluzioni radicalmente diverse possano essere utilizzate per adempiere a queste funzioni a seconda della posizione e della tipologia dell’edificio. Al King Abdulaziz Center for World Culture (Ithra) di Dhahran, gli architetti di Snøhetta hanno unito tetto e facciata, finestre e un involucro di un edificio chiuso in un lavoro di filigrana di linee che ricordano le strutture di un’impronta digitale. Con la loro casa a Zurigo, Fuhrimann Hächler Architekten celebrano la robusta semplicità della costruzione delle pareti esterne e la multifunzionalità delle finestre metalliche integrate al suo interno. Il design della facciata della struttura educativa di Genk di Kempe Thill Architekten è minimalista ed espansivo, mentre la scuola di Orsonnens di Ted’A e Rapin Saiz Architectes è eclettica e giocosa con gli echi delle tradizioni edilizie locali.

ABBONATI SUBITO!

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Detail 1-2/2020”

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.