Lotus 172

Architecture and Biophilia

27,00

This field can't be Empty
This field can't be Empty
This field can't be Empty
This field can't be Empty
LOTUS 172 – Architecture and Biophilia

L’esibizione dell’impegno ecologista ha sostituito la volontà di inquadrare l’architettura in un orizzonte urbano. Come tutto questo possa diventare poi un reale motivo architettonico è certamente un argomento che richiederà un nuovo impegno culturale, mentre per ora ci limitiamo a tradurre questo impegno in un fascicolo della rivista che indaga su certi comportamenti progettuali, i quali per avvenire sostanzialmente al di fuori della grande città colgono alcune opportunità negli ambiti extraurbani. Da qui si potrà evidenziare la fertilità di un approccio che, liberato dai vincoli delle metropoli, sviluppa in modo inedito le suggestioni provenienti dalla campagna. Dal momento che gli architetti sono per lo più formati da una cultura urbana, il contatto con la natura scatena in loro un vero e proprio culto biofilico, come nel caso delle prove dei giapponesi, degli esperimenti francesi, del nuovo impegno cinese o di una certa architettura italiana che si svolge in diretto contatto con i luoghi.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Lotus 172”

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.